Sei in > Ponte > Cultura e Tradizioni > Filastrocche    


 

  Home

Ponte

Il Sannio

Itinerari

Galleria Foto

Gruppo Ad Pontem

News

Contatti

 
 

 Ponte

 • Storia

 • Arte

Cultura e Tradizioni

  Galleria Foto

 Filastrocche

  Eventi e Manifestazioni

  Poeti in vetrina

 

 

 

 

 

 -

 

Fino a non molti anni fa le donne tramandavano di madre in figlia le conoscenze tradizionali sull’allevamento dei bambini e con esse ninne nanne e filastrocche.

La riproposta di filastrocche dialettali vuol far conoscere e rivalutare un patrimonio culturale che era utilizzato dalle mamme con la funzione di allevare, educare, allietare.

Facendo saltare il bambino sulle ginocchia, cullandolo, guidando i gesti, i giochi con le dita della mano, gli s’insegnava il controllo motorio, la conoscenza del proprio corpo imprimendo nella sua mente i nomi e le funzioni.

E’ sulle ginocchia della madre che il bambino inizia il viaggio nella vita.

Questo lavoro d’indagine e di raccolta presenta delle imperfezioni, la grafia del dialetto, errori di trascrizione, alcuni testi raccolti sono originari di altre zone, ma si è ritenuto di riproporli in quanto la comunicazione orale travalica i confini del municipio e molte filastrocche e conte sono diventate (con omissioni, aggiunte, variazioni) parte del patrimonio della cultura popolare locale.

Nonna nonna nonnarella

lu lupo s'è magnata a pecurella

pecurella mia cumme faciste

quanne mmocca a lu lupo te vediste?

pecurella mia cumme strillasti

quanne mmocca a lu lupo te truvasti?

dimme palomma addò fai la tana?

sotto na chianta di menta romana

dimmi palomma addò fai lu nido?

sotto na chianta de-e-e.... pretusì. 

 

Seta, seta seta

Iamo a l’uorto a cogle la ieta

La ieta e la verraina

E lo turzo de lo cavolo

Turzo e turzillo dammi no vasa a pizzichillo

Io lo metto n’da lo cannillo

Lo cannillo e` cup

E chiu` sotto sta lo lupo

Lo lupo e` viecchio e nun sape fa lo lietto

E la gatta che sta in cammisa

La` si crepa dalla risa.

inviata da David Cervelli

 

Suonno suonno 

vieni e non tardà

ca ninno mio 

si vole repusà

vieni ‘ngroppa 

a nu cavallo d’oro

e porta a ninno mio 

ogni tesoro

 

Cca cce vole 

na bella scarpetta

cca cce vole 

na bella suletta

surfariello e pepe

dà la botta e fuie

 

Capa e cocozza e Genova

uocchi de meraviglia

naso e cienti sfricoli

vocca stozza pagnotte

vareva e cappuccino

pietto priziuso

panza chiena e stozze

'ndrea pupuletto

e tuccame la gnignirignò

 

Mamma lu tene

mamma lu n'zora

mamma l' accatta 

nu bellu calzone

mamma l'accatta 

la chitarrella

pe chiamà la bella zitella

 

Mussillo doce

varvella n’zuccherata

naso a quadriglia

uocchi a lucernella

e stozza stozza pagnottella

 

 

 

Ind' a sta manella

ce sta na funtanella

ci venene a beve 

e pecurelle

e fanno bee bee bee

 

Ind' a sta manella

ce sta na funtanella

ci venene a beve 

e paparelle

e fanno più più più

 

Cca ce sta na funtanella

dove ce beveno le paparelle

Questa acchiappa,

questa coce,

questa magna,

questa beve,

e povero papà niente

e povero papà niente

 

Mice micella

atta attella

mice micione

nu bellu schiaffone

 

Iesci iesci sole

ca tengo no male padrone

m’a dato poco pane

iesci iesci sole 

ca sento fame

 

 

Iesci iesci sole

e non tardà

chè me voglio marità

fammi truvà nu bello marito

bianco russu e culurito

 

 

 

Luna luna nova

mename quatt’ova

menammelle ‘nzino

ca mme faccio i tagliolini

 

Luccia luccia campanella

vieni a me che so’ zitella

so’ zitella de lu re

luccia luccia vieni a me

 

 

 

 

Lucciola luccciola 

vien da me

che ti dò il pan del re

pan del re e della regina

lucciola lucciola 

vieni vicina

 

Cala cala curnicella

ca ti faccio na bella gonnella

tutta nocche e zagarelle

prima a tte po' a mme 

e po' a la figlia de lo re

 

Gigino gigetto

stanno sul tetto

vola gigino

vola gigetto

torna gigino 

torna gigetto

 

Giro giro tondo

Quanto è bello il mondo,

centocinquanta

la gallina canta,

canta sola sola,

non vuole 

andare a scuola,

la gallina bianca e nera

ti da la buona sera,

buonasera e buonanotte,

il lupo dietro la porta,

la porta casca giù,

e il lupo non c’è più,

è fuggito per la montagna

per trovare una castagna,

la castagna è tutta mia:

buonanotte compagnia.

 

Giro giro tondo

casca il mondo

casca la terra

tutti giù per terra

 

 

Ambarabà ci-cì co-cò,

tre civette sul comò

che facevano l’amore 

con la figlia del dottore,

il dottore si ammalò

ambarabà ci-cì co-cò!

 

 

 

Topolino, topoletto                   zum-bam-bà

si è ficcato sotto al lettol          zum-bam-bà

e la mamma, poveretta             zum-bam-bà

ha pigliato la scopetta              zum-bam-bà

Topolino si è fatto male            zum-bam-bà

l’han portato all’ospedale           zum-bam-bà

l’ospedale era chiuso                zum-bam-bà

l’han portato in farmacia           zum-bam-bà

la farmacia era aperta              zum-bam-bà

e l’han messa la fascetta          zum-bam-bà

Questo tocco ormai è finito       zum-bam-bà

Topolino ha già deciso              zum-bam-bà

e la mamma ha suggerito          zum-bam-bà

                                                    ch'esci fuori proprio tu

 

 

Seta setella

e ghiamo a Civitella.

E che ce iammo a fà?

Iammo a truvà zi Catarina

se è morta o se è viva

Se è viva la maritammo

e se è morta la sotterrammo

E che le portame?

Le portame quatt’ove

Quatt’ove ‘nu le bastano

Le portame nu pullastre

Lu pullastre è zuoppo

E chi l’ha zuppito?

Lu stiglio de la porta

E la porta addo sta?

L’ha arza lu fuoco

E lu fuoco addo sta?

L’ha stutato l’acqua

E l’acqua addo sta?

Se l’ha bippita lu bove

E lu bove addò sta?

Sta‘ncoppa la muntagnella

a cogliere castagnelle

 

Pizza pizza trangola

e la mamma di Santrangola

Santrangola e mulino

e scarpare sarracino

sarracino e il monte

e arriva chi ci zompa

ci zompa tricche tracche

une doi tre e scatte

a li scatte alli cangelle

iesce tu gallucce belle

 

 

Arri, arri a Napole

scuntammo ciente capre,

scuntammo na signora

che venneva caso e ova,

dammene nu murzillo

quanno cape a nu cannillo,

e lu cannillo è rutto

e chiù sotto sta lu puzzo,

lu puzzo è n’cupo n’cupo

e chiù sotto sta lu lupo,

lu lupo è viecchio viecchio

e nun sape fa lu lietto,

e la gatta n’cammisa

che se schiatta da le risa.

 

 

Atta cecata, addò si stata?

A lu mercato.

Ch’hai accattato?

 Na pezza e caso.

A chi l’hai data?

A mamma e tata.

E a me?

Nu corno!

E votet’attuorno.

 

 

Cicerenella teneva nu mule

ieva a Napule sule sule

se caricava di cose belle

viva lu mule di Cicirenella

 

Cicerinella teneva nu cane

muzzicava li cristiani

muzzicava le femmine belle

viva lu cane di Cicerenella

 

Cicerinella teneva nu puorche

tutt’ i iuorne ieva all’uorte

là cavava la ‘nzalatella

viva lu puorche di Cicerenella

 

Cicerenella teneva nu galle

tutt’i iuorne ci ieva a cavalle

ci metteva la briglia e la sella

viva lu galle di Cicerenella

 

Za Sabella frieva l'ova

li portau a zi Nicola

zi Nicola diceva la messa

e con quattro principesse

e con quattro cavallucce

zi Nicola muse e ciucce

 

Zi prevete schiricato

mette a coteca int’ a pignata

a pignata volle volle

e zi prevete corre corre

 

Uno, due, tre

lu papa non è re

lu  re non è papa

la coccia non è lumaca

la lumaca non è coccia

la cannela non è torcia

la torcia non è cannela

matina non è sera

sera non è matina

grano non è farina

farina non è grano

zi Peppe non è zi Paolo

zi Paolo non è zi Peppe

la vesta non è lu zinale

lu zinale  non è la vesta

e con questo finisce la festa

 

copyright - 2007- © Ad Pontem - Tutti i diritti riservati