Sei in > Il Sannio > Terra Antica    


 
Home Ponte Il Sannio Itinerari Galleria Foto Gruppo Ad Pontem News Contatti
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

Terra Antica

 

In una terra antica vacanze nuove

Spesso, il desiderio di trascorrere una vacanza insolita spinge verso terre lontane dove la vita è scandita da ritmi differenti e da usanze strane.

Sotto questo aspetto il Sannio è lontano dal resto d’Italia anche se può essere comodamente raggiunto.

Qui, da secoli la natura mostra un volto immutabile: montagne e rocce, foreste e pascoli, sorgenti e laghi sono ancora quelli che videro gli antichi Sanniti, i Romani, Pirro e Annibale, i santi monaci che per primi diffusero il Cristianesimo, i barbari scesi dal Nord, San Francesco e San Bernardino.

I corredi rinvenuti nelle tombe dei Sanniti parlano di popolazioni attive nei commerci, evolute e raffinate; eppure costoro con ferocia incredibile combatterono fino all’ultimo contro i Romani, che pure avrebbero apportato nuove ricchezze e un vivere sicuro celebrato nello splendido Arco di Traiano a Benevento.

Anche dagli anni più tormentati del Medioevo gli abitanti di queste terre riuscirono ad emergere, consegnando all’Occidente i tesori della cultura benedettina.

La storia del Sannio è orgogliosamente esibita a Benevento nei musei ospitati nel monastero di Santa Sofia e nella Rocca dei Rettori, ma è difficile per il visitatore sottrarsi al fascino che emanano i molti centri storici dalla struttura ancora intatta, come Sant’ Agata dei Goti, Morcone, Cerreto Sannita, San Marco dei Cavoti, Castelvenere, Guardia Sanframondi, Cusano Mutri, Circello e Pesco.

Ogni città, ogni paese del Sannio custodisce veri gioielli di architettura e se Santa Sofia, a Benevento, è giustamente considerata una delle più belle chiese medioevali d’Europa, altrettanto degni di ammirazione sono gli edifici sacri che sorgono a Sant’Agata dei Goti, a Cerreto Sannita, ad Airola, a Guardia Sanframondi, a Ponte.

Del passato feudale rimangono i bei palazzi, alcuni dei quali in ottimo stato di conservazione, come la cinquecentesca casa dei Filippini a Guardia, riadattata a museo, e i castelli, che si ergono ancora a sorveglianza degli abitati, ridotti a poche imponenti rovine o perfettamente restaurati.

Sempre più frequentemente, intanto, emergono dagli scavi archeologici testimonianze di un tempo lontanissimo: mura ciclopiche, necropoli, terme, acquedotti, intere città.

Esiste, poi, un lato più segreto: è il mondo di una civiltà contadina e pastorale che ancora conserva gelosamente tradizioni, superstizioni, forse anche stregonerie che affondano le loro radici nella notte dei tempi.

Tutto ciò contrasta con la luminosa bellezza di queste terre: difficilmente il visitatore dimenticherà i panorami che si aprono nelle valli del Fortore e del Tammaro, le vaste distese boschive del taburno e di Montauro, i fiumi e i torrenti limpidissimi, i pascoli d’alta quota popolati di cavalli in libertà, le montagne impervie e selvagge sulle cui pendici sorgono centri attrezzati per offrire una vacanza comoda e tranquilla.

 

copyright - 2007- © Ad Pontem - Tutti i diritti riservati